Martedì 23 luglio

 

Parco delle Betulle, via Roberto D’Azeglio

 

Ore 18

VALERIO MAGRELLI – Sopruso: istruzioni per l’uso

Un medico in camice insulta un paziente in mutande, un intero quartiere insorge contro chi spara musica, un colpo in banca, una fila alle poste. Quattro scene madri per un uno scopo: individuare le vessazioni di cui siamo costantemente oggetto nel corso delle nostre giornate. Eppure, dopo la morte di Dio, il suo unico erede è il nostro Prossimo. Ragion per cui questo trattatello vuole essere soltanto un grido nel deserto per annunciare la religione del Rispetto. In queste pagine furibonde e paradossali, Valerio Magrelli traccia la cupa genealogia della prepotenza, per esortare alla difesa di alcuni diritti ormai dimenticati.

Valerio Magrelli è scrittore, traduttore e professore ordinario di Letteratura francese all’Università Roma Tre. Nel 2002 l’Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attribuito il Premio Feltrinelli per la poesia italiana. Ha diretto per Einaudi la serie trilingue della collana «Scrittori tradotti da scrittori» e collabora alle pagine culturali di «Repubblica». Ha pubblicato numerose raccolte di poesie e romanzi. Tra i suoi lavori in prosa: “Nel condominio di carne”, “La vicevita” e “Sopruso: istruzioni per l’uso” (2019).

 

Ore 21,15

UN CINE EN CONCRETO

Argentina, 2017

Proiezione del film con la presenza della regista, Luz Ruciello

Protagonista. Omar es un albañil que construyó una sala tras el cierre de los cines de su localidad.

Come misuriamo le nostre passioni? Omar è un muratore e il denaro non gli basta. Si mette a costruire sopra la sua casa, da solo. Alla moglie dice che sarà un locale da affittare, ma in realtà sta costruendo un cinema. Ci mette quattro anni e inaugura la sala con un arrugginito proiettore del 1928. Religiosamente, Omar proietta film e la sala diventa il suo sacro rifugio. Dove nascono le forze di questo Don Chisciotte di paese, innamorato della settima arte?

Luz Ruciello vive a Buenos Aires, dove ha studiato presso la facoltà di Imagen y Sonido. Tra le sue opere principali i cortometraggi “Seis horas asì” (2001), selezionato nel Festival del Cinema Latinoamericano di Tolosa, “Madreselva” (2015), premiato come Miglior Cortometraggio e vincitore del premio RAFMA al Festival de Cine Inusual de Buenos Aires, e “La Creciente” (2016), selezionato in diversi festival cinematografici europei.

Prima del film sarà proiettato il cortometraggio “Costituzione in corto. Articolo 3” realizzato all’interno del progetto “Costituzione e Cittadinanza” del Liceo Valdese, con la regia di Anna Giampiccioli.

Un evento in collaborazione con Verso il Cinema Val Pellice